19-23 maggio: Ue e Usa di nuovo a confronto

di Monica Di Sisto, Fairwatch

L’attesa sembrava non finire mai, e invece il Ministero del Commercio con l’Estero Usa ha fatto sapere che i nuovi negoziati del trattato TTIP si terranno ad Arlington, ridente (non troppo) cittadina da 200mila anime nella Virginia. nell’imminenza delle Elezioni europee, per far crescere il consenso alle trattative in quella parte di continente che ancora adesso – a partire da Francia e Germania – resiste all’idea della necessità di ulteriori liberalizzazioni e può affondare il processo, il commissario europeo al Commercio De Gucht, che ha aperto per tre settimane una consultazione online sul sito della Commissione per rabbonire quella parte dell’opinione pubblica che lo accusa di scarsa trasparenza nel negoziato, sta affrontando una marcia forzata di incontri con imprese e istituzioni competenti.

Continue reading

Diritti del lavoro? L’Europa batta un colpo nel trattato EU-Korea

L’accordo di liberalizzazione commerciale tra Europa e Korea viene spesso vantato dalla Commissione Ue come profondamente innovativo perché prevede, al Capitolo 13 (EU-Korea sust dev chapter 13 annex EN), un’intera sezione dedicata allo Sviluppo sostenibile e ad un meccanismo di monitoraggio dell’impatto delle liberalizzazioni su di esso, con la partecipazione di sindacati e imprese europei e coreani.

Il primo test significativo per il suo effettivo funzionamento ci si presenta ora, quando il Gruppo Consultivo di parte europea (DAG), per la prima volta, scrive al Commissario al Commercio la Letter to Mr Karel De Gucht _ Art 13- Korea -FTA per chiedere conto dei mancati passi avanti dalla Korea in materia di tutela dei diritti dei lavoratori.

Il governo della Repubblica di Corea si è assunto una serie di impegni con l’UE rispetto al cap. 13 che comprendono , fra gli altri , “rispettare , promuovere e realizzare , nelle loro leggi e pratiche , i principi riguardanti i diritti fondamentali”, come stabilito nella Dichiarazione dell’OIL sui principi e i diritti fondamentali nel lavoro , nonché a “fare costanti e sostenuti sforzi per ratificare le convenzioni fondamentali dell’OIL , nonché le altre convenzioni che sono classificati come ‘ up-to- date’ dall’OIL” (art. 13.4.3 ) .

Il DAG ha tenuto conto delle conclusioni della seconda riunione del Forum della Società Civile nell’ambito dell’accordo di libero scambio UE-Corea , che si è tenuto a Seoul , il 12-13 settembre 2013, e che ha discusso a lungo un parere sui diritti fondamentali al lavoro adottato dal DAG UE nel maggio 2013 (CES746-2013_00_01_TRA_TCD_en) . Nel documento si partiva dalla denuncia di casi conclamati di violazione dei diritti sindacali – contro il Korean Government Employees Union (KGEU), la Trade Union (MTU), il Korean Teachers’ Union (KTU) ma anche di singoli lavoratori, minori e schiavi, anche in filiere in teoria più formalizzate come quelle della multimazionale Hyundai Motor.
Si terminava, poi, con delle richieste riecheggiate nella lettera a De Gutch:
• si chiede al governo coreano di implementare le misure necessarie e rimuovere gli ostacoli per consentire la ratifica delle rimanenti Convenzioni fondamentali dell’OIL , ossia la convenzione n 87 sulla libertà sindacale e la protezione del diritto sindacale, Convenzione n °98 sul diritto di organizzazione e contrattazione collettiva, la Convenzione n° 29 sul lavoro forzato e la convenzione n°105 sull’abolizione del lavoro forzato che la Corea non ha ancora ratificato ;
• è del parere che la promozione e il consolidamento del dialogo sociale faciliterà la creazione delle pre-condizioni per la ratifica di queste quattro convenzioni e contribuiranno anche a garantire la piena attuazione delle Convenzioni fondamentali dell’OIL sia in Corea che l’UE;
• raccomanda , per quanto riguarda la questione del lavoro forzato, modifiche del regime di prigionia;
• sollecita sia la Corea sia gli Stati membri UE a garantire la piena attuazione delle Convenzioni fondamentali dell’OIL che sono già state ratificate. Si chiede anche di essere informati sui casi di mancato rispetto delle Linee Guida dell’OCSE destinate alle imprese multinazionali di Corea e dell’UE.

Dall’udienza che la Commissione riserverà a questa azione e dalla conseguente implementazione pratica di misure conseguenti, potremo misurare l’effettiva efficacia dell’art. 13 come strumento di monitoraggio degli impatti nell’ambito degli accordi di libero scambio, ma soprattutto la volontà politica dell’esecutivo europeo di utilizzarlo davvero come uno strumento per la diffusione dei principi chiave dello sviluppo sostenibile.

TTIP e diritto alla salute: la preoccupazione dei sindacati

European Trade Union Confederation

In una lettera indirizzata al commissario europeo al Commercio, Karel De Gucht, e al negoziatore statunitense Michael Froman, l’ European Trade Union Confederation (ETUC), l’American Federation of Labor and Congress of Industrial Organizations (AFL-CIO) e l’International Trade Union Confederation (ICTU) hanno espresso le loro preoccupazioni rispetto al fatto che l’accordo Transatlantico sul commercio e gli investimenti USA-UE (TTIP/TAFTA) e l’omologo accordo USA-Trans-Pacifico (TPA) “impatteranno pesantemente sui sistemi sanitari nazionali e aumenteranno i costi a carico dei pazienti”. Continue reading

TTIP USA-UE: economisti sfatano il mito della ricchezza che verrà

european union stars

european union stars (Photo credit: notarim)

“Il premio per un’intera generazione”, ma anche “Il pacchetto di stimolo più a buon prezzo che potremmo immaginare”: la Commissione europea ha definito in questo modo altisonante i presunti risultati economici per il continente che verranno generati, a loro giudizio, dal nuovo trattato di liberalizzazione commerciale Usa-Ue che dovrebbe – nei loro auspici – essere approvato entro il prossimo anno. Ma alcuni economisti, a scrutare nelle pieghe delle valutazioni d’impatto prodotte dalla Commissione stessa, cominciano a trovare le prime smagliature di un certo peso.  Continue reading

Trade Game presenta la sua lettura sulla Ministeriale della Wto a Bali

Some people do not see international trade fav...

Some people do not see international trade favourably: here a child protests against the WTO in Jakarta. (Photo credit: Wikipedia)

In occasione della convocazione, da parte del Ministero dello Sviluppo economico, della una Riunione di coordinamento sul negoziato multilaterale dell’Agenda di Doha (DDA), richiesta qualche mese fa con una lettera pubblica, l’Osservatorio italiano sul commercio internazionale Trade Game presenta una nota con la sua lettura e le sue priorità verso la prossima Ministeriale della Wto che si terrà a Bali, in Indonesia, dal 3 al 6 dicembre prossimi. “Soprattutto a fronte del proliferare di negoziati commerciali scarsamente trasparenti in sede plurilaterale e bilaterale – spiegano CGIL, ARCS/ARCI, Fairwatch e Legambiente – , sentiamo l’esigenza di uno spazio stabile di dialogo trasparente e continuo sui mandati e i risultati negoziali, per costruire una prospettiva di impatti e implicazioni nel merito più ampia e inclusiva. In particolare, riterremo quantomai opportune informazione e consultazione di tutti i soggetti della società civile in merito al negoziato TTIP tra UE e USA”.

Tra i punti più importanti sui quali Trade Game pone l’accento, tre sono le necessarie modifiche di paradigma che vengono proposte nel documento:

“Crediamo in una cittadinanza globale in cui le economie sono diversificate e integrano tutti i settori garantendo in primo luogo le esigenze locali delle persone e la salute dell’ecosistema. L’idea che ciascun Paese debba specializzarsi in ciò che può fare meglio in base al proprio “vantaggio comparato” crea solo economie atrofizzate”.

“Per uscire dalla crisi insieme chiediamo a chi negozia per nostro conto di rinunciare all’approccio ideologico sulle virtù salvifiche del libero commercio e del libero mercato, per guadagnare una giustizia economica i cui pilastri siano la piena occupazione, la ridistribuzione della ricchezza e il recupero del controllo democratico sui settori vitali della nostra economia, al fine di servire meglio le persone, promuovere i loro diritti e preservare l’ecosistema”.

“Ci sono alternative sostenibili al libero scambio e alla dipendenza dai mercati internazionali. Chiediamo che venga garantito a tutti lo spazio politico necessario a praticarle, a Nord e a Sud”.

In allegato il testo completo TG Mise1113doc

350 Organizzazioni contro il nuovo Accordo sui servizi (TISA)

Circa 350 organizzazioni della società civile, per l’Italia CGIL e Fairwatch, membri di Trade Game, hanno sottoscritto e inviato ai propri governi la richiesta di non sottoscrivere l’accordo plurilaterale sui servizi Trade in Services Agreement (TISA). L’Italia sta spingendo per la sua approvazione attraverso l’Europa nel “gruppo di pressione” principale a livello istituzionale autodefinitosi, e non è uno scherzo, quello dei “Veri buoni amici dei servizi”. L’obiettivo: condannare i Paesi che vi aderiscono a un’agenda di liberalizzazioni selvagge dei servizi essenziali, e senza alcuna valutazione d’impatto preventiva, il tutto a spese dell’occupazione, dei diritti umani, dell’ambiente.

In allegato il testo della lettera, che Trade Game ha inviato al Governo italiano insieme alla richiesta di riconvocazione del Tavolo di confronto istituzionale